UTT rilancia il tennistavolo indiano

Kellog’s è l’ultimo marchio entrato nella schiera degli sponsor. Apolonia, Szocs, Gauzy, Petrissa Solja, Pitchford, Yoshida, Karlsson, Cheng I-Ching, Jon Persson, Gacina, Freitas, Winter, Chuang Chih-Yuan, Gerassimenko, Samara e Doo Hoi Kem alcuni nomi dei giocatori. Tischtennis Bundesliga quest’anno ha posticipato la prima giornata di Campionato dal 9 al 16 Agosto per consentire lo svolgimento della finale l’11 Agosto.
Il Campionato UTT indiano, alla sua terza stagione, merita solo per questo un’occhiata interessata.

Cos’è UTT? Ultimate Table Tennis è la formula con cui si giocano le partite del Campionato di punta: abbandonato il ricorso a schemi tennistici o derivati, si guarda alle gare a squadre di Sport prevalentemente individuali, come la scherma o il tiro con l’arco, allo scopo di evitare che un incontro tra due team diventi la mera successione di sfide individuali.
Un punto di partenza decisamente interessante.
Le squadre, miste, sono composte da quattro locali (due uomini e due donne) e due stranieri (un uomo e una donna): ognuno può giocare al massimo un solo singolare e il doppio misto, in cui non si può schierare entrambi gli stranieri. Ogni incontro si svolge in tre set (golden point sul dieci pari) per un totale di cinque incontri: vince la partita la squadra che totalizza più set vinti. Le vittorie individuali non sono contemplate, ma si preferisce l’effetto staffetta, passaggio di testimone tra i giocatori.

Questa la successione degli incontri:

INCONTRO TIPO INCONTRO GIOC. SQUADRA A GIOC. SQUADRA B
1

2

3

4

5
SF

SM

DX

SM

SF
LOCALE O STRANIERA

LOCALE O STRANIERO

LOCALE + STRANIERA/O

LOCALE O STRANIERO

LOCALE O STRANIERA
LOCALE O STRANIERA

LOCALE O STRANIERO

LOCALE + STRANIERA/O

LOCALE O STRANIERO

LOCALE O STRANIERA

SINGOLO FEMMINILE

LOCALE O STRANIERA
vs
LOCALE O STRANIERA

SINGOLO MASCHILE

LOCALE O STRANIERO
vs
LOCALE O STRANIERO

DOPPIO MISTO

LOCALE + STRANIERA/O
vs
LOCALE + STRANIERA/O

SINGOLO MASCHILE

LOCALE O STRANIERO
vs
LOCALE O STRANIERO

SINGOLO FEMMINILE

LOCALE O STRANIERA
vs
LOCALE O STRANIERA

Quali i meccanismi più interessanti?
Innanzitutto il format spettacolare concepito per ottenere spazi televisivi: gli incontri (15 set in totale, golden point e limite di 10 secondi per il servizio) prevedono un tempo complessivo piuttosto definito e non troppo impegnativo per un palinsesto. Una logica più che ragionevole per uno Sport che in India (magari solo in India…) non conquista facilmente i titoloni in prima pagina. Non dimentichiamo che l’introduzione del match giocato con più palline gestite dai raccattapalle è una novità time saving introdotta proprio da UTT nella prima stagione e successivamente adottata da ITTF.
A seguire la formula mista, a tutt’oggi innovativa nel mondo sportivo (ci sta provando anche lo sci, con la gara olimpica a squadre miste), che in prospettiva futura sarà senz’altro vincente, oltre a gettare le basi per lo sviluppo del settore (e del pubblico) femminile. Al riguardo, ottima anche la scelta di far iniziare e terminare la partita con i due singolari femminili: visto il livello in campo si garantisce all’incontro femminile il pathos finale della sfida. 
Aggiungerei la durata del Campionato: un paio di mesi (luglio e agosto) e sei squadre è l’ideale per concentrare la Premier League avvincente di uno Sport che resta soprattutto individuale (anche Davis e Fed Cup in fondo hanno uno spazio marginale nella stagione internazionale tennistica). Questo permette tra l’altro, se teniamo presente che quest’anno la stessa organizzazione (privata, in collaborazione con la Federazione indiana) ha riservato alla squadra vincitrice del Campionato un premio di circa 35mila euro oltre a premi individuali per i giocatori più performanti, di poter disporre di ingaggi altrimenti molto più dispendiosi (o meno ambiziosi), a tutto vantaggio del livello di gioco e del potere contrattuale nei confronti di media e sponsor.
Un’attenzione particolare va infine riservata al ruolo cui viene investita la comunicazione, che spinge verso una visione più moderna, efficace e spettacolare del tennistavolo: loghi, statistiche e relative classifiche individuali, highlights, immagini e video contribuiscono ad una fruizione più interessante ed esaustiva delle dinamiche delle partite, sia per i media che per il pubblico. Una su tutte: la statistica dei Super Serves, servizi vincenti, che finalmente attribuisce la giusta importanza alla qualità del servizio per ottenere punti che nelle cronache troppo spesso vengono percepiti come errori dell’avversario.

Queste le parole di Vita Dani, chairwoman di UTT, la licenza di GS Sports Management strutturata come un franchising in cui ogni squadra è associata come franchisee:

Lavorando a stretto contatto con la Table Tennis Federation of India, abbiamo creato una solida struttura che include ampiamente attività di base e sviluppo, fino al Campionato Ultimate Table Tennis, che fornisce ai nostri giocatori nazionali la grande opportunità di confrontarsi con alcuni dei migliori giocatori del mondo.

La percezione del tennistavolo come sport sta cambiando, e questo è il momento in cui abbiamo bisogno che gli obiettivi di tutti siano allineati per espandere i nostri confini. Con UTT vogliamo portare ai massimi livelli il tennistavolo indiano, sfruttando una vetrina di qualità per i nostri giocatori e, naturalmente, vogliamo che il tennistavolo diventi popolare tra le masse come sport mainstream.

Il mio sogno è quello di vedere i migliori talenti indiani nel panorama mondiale del tennistavolo. E la visione è quella di avere una medaglia per l’India alle Olimpiadi del 2024.
Credo che siamo sulla buona strada per rendere questo sogno realtà.

Condividi: