Sempre Pizzi al comando dopo il Quinta Categoria


Coppa, Marcolini e Riondino
nel singolare Quinta Categoria.

4 vittorie attese,
3 sconfitte attese,
3 sconfitte inattese.


QUINTA CATEGORIA

Alessandro Coppa  passa il girone per primo grazie a 1 vittoria attesa con Tolentino e 1 vittoria per l’assenza di Baldassarin.
Inattesa la sconfitta contro Depaoli Phillipp.
Al primo turno eliminatorio, sconfitta inattesa con Federico Giardi
-1 punto con il criterio adottato.

1 punto per Andrea Marcolini primo nel girone con due vittorie attese su Nagler e Bertagna Eugenio.
Inattesa la sconfitta con Cavallaro, attualmente con meno punti in classifica, ma Ex 176 d’Italia nel 1993.
Nel turno eliminatorio sconfitta attesa con Luigi Vallome al quinto, dopo che Andrea era avanti 2-1 nei set.

1 punto anche per Raffaella Riondino, che non passa il giorne per le due sconfitte attese con Melegari e De Ceglia.
La vittoria attesa con Gallito completa la prestazione.

In base al criterio adottato la “classifica” del singolare Quinta vede:
1) Marcolini e Riondino 1 punto
3) Coppa -1 punto

Questa la classifica dopo le gare di Seconda, Terza, Quarta e Quinta Categoria:
1) Pizzi 9
2) Esposito 8
3) Marcolini 3
4) Marzulli 2
5) Riondino 1 punto
6) Bozza, Nobile 0 punti
8) Coppa -1

Doppio Maschile
Marcolini e Solari prendono la X al primo turno, poi in 4 set superano in rimonta Corrente e Caselli, prima di infrangersi nettamente contro Castracane e Gussoni, in tre set.

Anche Coppa e Carletti Matteo beneficiano della X, ma non superano l’ostacolo seguente costituito da Millo e Bonfioli: 9-11 al quinto.

Doppio Misto
Marcolini e Riondino superano il primo turno con Calvieri e Andreata con un combattuto 3-0.
Stop alla fermata successiva ad opera di Palmarucci e Piras in 4 set.

Doppio Femminile
Al primo turno Riondino e Giacomino sfiorano l’impresa contro Maturanza e Vivarelli Evelyn, la più giovane della dinastia.
Dopo essersi portate avanti 2 set, subiscono il ritorno delle avversarie che si aggiudicano i successivi tre combattuti set.

Condividi su Facebook
 

Tweet

Condividi: