PV = 160 + (3 x DP / 25) per 2 come se fosse antani

Presentiamo le novità
più significative dei regolamenti
per il calcolo delle classifiche
della stagione 2013-2014
pubblicate sul sito FITET.

Per il conteggio dei punti si considerano anche anche gli incontri dell’attività paralimpica, della Coppa delle Regioni e dei concentramenti veterani regionali e nazionali.

Per la prima volta saranno valide anche le partite tra uomini e donne, il cui punteggio sarà moltiplicato per 0,7.

Queste le nuove categorie:
Per il maschile
1^ categoria 1-12
2^ categoria 13-120 (108, erano 120 nella passata stagione)
3^ categoria 121-452 (332, erano 320)
4^ categoria 453-2000
5^ categoria dal 2001

Per il femminile
1^ categoria 1-8
2^ categoria 9-50 (42, erano 70)
3^ categoria 51-198 (148, erano 120)
4^ categoria 199-400
5^ categoria dal 401

Gli atleti stranieri titolari nei campionati A1 e A2 assumono una classifica pari al giocatore italiano al primo posto della classifica di inizio stagione.
Non abbiamo capito se vengono posizionati al primo posto della squadra di cui fanno parte o al primo posto delle classifiche italiane. Questa è la frase che riporta il regolamento:
“Ad inizio stagione i giocatori stranieri nuovi tesserati che non sono presenti nella classifica di inizio stagione, viene loro attribuito un punteggio iniziale come sotto riportato:
–  atleti stranieri inseriti negli elenchi dei titolari nei campionati di serie A/1 e A/2 sono equiparati al giocatore italiano al primo posto della classifica di inizio stagione;”

Gli atleti stranieri che giocano in B1, B2, C1 sono equiparati al 100 d’italia se uomini e alla 50 se donne.

Gli stranieri che giocano nei campionati regionali sono equiparati alla 452 maschile e 198 femminile (l’ultima posizione dei terza).

Gli atleti che riprendono dopo anni di attività, assumono il punteggio pari all’ultima posizione della serie inferiore, rispetto all’ultima pubblicata nell’archivio storico, a partire dal 1993/94.
Ad esempio, se un giocatore era seconda categoria nell’ultima sua classifica pubblicata, diventerà l’ultimo dei terza, e quindi 452 per gli uomini e 198 per le donne.

Nelle partite tra uomini e donne, il punteggio di queste sarà moltiplicato per 0,7.
Quindi, se incontrate una donna con 5.000 punti, ai fini del punteggio che scaturirà del risultato della partita, è come se aveste di fronte un uomo da 3.500 punti.

I punti derivanti dall’esito delle partite sono moltiplicati a seconda delle diverse tipologie di gare, secondo lo schema seguente:
•  Campionati Italiani individuali di categoria 1,5
•  Tornei nazionali individuali di categoria 1
•  Tornei nazionali individuali Giovanili – Veterani  – Paralimpici 0,5
•  Coppa delle regioni 0,2
•  Campionati regionali individuali di categoria  0,6
•  Tornei regionali individuali di categoria  0,3
•  Tornei regionali individuali Giovanili – Veterani  – Paralimpici 0,2
•  Campionati nazionali a squadre (esclusi Giov. – Vet. – Paral.) 1
•  Campionati nazionali a squadre Giovanili-Veterani-Paralimp.  0,5
•  Campionati nazionali a squadre (atleti sesso diverso)  0,5
•  Campionati regionali a squadre (esclusi Giov. – Vet. – Paral.) 0,7
•  Campionati regionali a squadre Giovanili-Veterani-Paralimp. 0,2
•  Campionati regionali a squadre (atleti sesso diverso) 0,2
•  Campionati provinciali individuali di categoria  0,1


Cliccare sull’immagine a sinistra,
per andare alla pagina del sito FITET
con i nuovi regolamenti.


 

Tweet

Condividi: