Primo Torneo Nazionale Giovanile

L’ultimo fine settimana di ottobre ha in programma il primo torneo giovanile nazionale.
Si gioca a Este (270 iscritti), Marsala (45) e Colleferro (107), dove sono impegnati i quattro ragazzi della Castello Oro.


ALESSANDRO PIZZI
Con 1.256 punti è la terza testa di serie della categoria Ragazzi e si presenta con ambizioni di medaglia.
Nel girone trova Izzo, Romano, Costantini. Soffre nella partita con Izzo, dove si trova in svantaggio per 2 set a 1, per chiudere poi al quinto set.
Ai quarti incontra Adriano Russo, un avversario senza punti in classifica.
Perde i primi due set a 8, nel terzo, ad un passo dalla sconfitta, ha una reazione d’orgoglio mettendo in mostra le sue notevoli capacità tecniche e vince a 9. Nel terzo set mostra nuovamente un calo di attenzione cedendo a 7.
Con un prestazione complessivamente al di sotto delle attese, esce dal torneo concedendo all’avversario la possibilità di entrare con un buon punteggio in classifica nazionale.

CLAUDIA CARASSIA
Partecipa al torneo Femminile Allievi con 2.154 punti e dovrebbe arrivare in finale con Laura Galiano, prima testa di serie con 2.642 punti. Più distanti in classifica le altre giocatrici.
Passa agevolmente il girone, superando nettamente Cotza, Persico e Cicchino, non concedendo set alle avversarie.
In semifinale si impone con autorevolezza su Ferrante in tre set.
Nella finale annunciata con Galiano cede il primo set a 7, per poi cambiare marcia e aggiudicarsi il torneo superando la giocatrice campana per 3-1.
Era testa di serie numero due, arriva prima. Ottima prestazione.

ANGELO CALDARINI
Nel torneo Maschile Allievi Massarelli (3.886), Zakaryan (3.159), Coletta (2.544) e Cerza (2.319) dovrebbero arrivare fino in fondo. Il primo torneo della stagione però riserva sempre delle sorprese. In questo caso mi sentirei di puntare su Loreto (2.100), che mi ha destato un’ottima impressione nella Coppa delle Regioni disputata in aprile.
Angelo Caldarini si presenta con 884 punti ed è 14° nella classifica. Dovrebbe passare il girone. In una giornata positiva potrebbe arrivare ai quarti. 
Nel girone ha l’opportunità di sfidare Massarelli, testa di serie n° 1 con 3886 punti.
Dopo aver ceduto i primi due set, cambia atteggiamento e prende l’iniziativa, con aperture di rovescio e attacchi di dritto. Sostiene il gioco veloce lontano dal tavolo con scambi prolungati di top e controtop. Si aggiudica il terzo set e costringe ad un notevole impegno il più quotato avversario, con scambi avvincenti ed applauditi.
Nel quarto set riesce a giocare due palle per il set che gli avrebbero consentito di arrivare al 2-2 e giocarsi la bella. Massarelli vince 3-1 e con qualche goccia di sudore sulla fronte stringe la mano ad Angelo che in questa occasione ha destato una grande impressione tra i presenti.
Ma con la sconfitta la qualificazione è ancora in bilico e nel successivo incontro con Francesco Rota si trova ad una passo dall’uscita dal torneo.
Infatti si torva in svantaggio di 2 set a 1 e 4-1, quindi 5-1, quindi 6-1 nel terzo set, senza che inspiegabilmente, dalla panchina venga chiamato il time-out.
Qui Angelo sfodera una grande prova di carattere, raccoglie le sue energie mentali e mette a segno una serie di 8 punti consecutivi, portandosi sul 9-6 per vincere poi il set.
Scampato il pericolo si aggiudica il quinto set e si qualifica per la fase ad eliminatorie.
Grande prova tecnica con Massarelli, grande prova di carattere con Rota.
Se tecnica e carattere sono i fondamentali di questo sport, per Angelo il futuro riserva belle soddisfazioni.
Grave errore lasciare il Palazzetto per far ritorno a casa. Mi perdo in questo modo la bellissima cavalcata di Angelo che supera due avversari con classifica superiore: Domenico Coletta (2544 punti) agli ottavi in 3 set e Giovanni Cuccu (1746 punti) per 3-1 ai quarti.
In semifinale incontra Levon Zakaryan, testa di serie 2 con 3159 punti.
Incontro tiratissimo, nell’andamento e nel punteggio.
Angelo si aggiudica il primo set a 9, per poi cedere a 8 e 5 i successivi due set. Parità raggiunta nel quarto set 13-11.
Il quinto set si gioca punto a punto e cede solo nel finale per 12-10.
Nella  finalina per il terzo posto, cede a Loreto in tre set.
Partiva 14° nella classifica del torneo, conquistando il quarto posto.
Bravo Angelo!

VALERIO MARZULLI
Con 713 punti è 18° nella classifica e quindi non distante dall’obiettivo di passare il girone ed entrare nei 16. In tal caso agli ottavi incontrerebbe una delle prime teste di serie in un incontro molto difficile sulla carta.
Nel girone trova Loreto (2100 punti),  Guastafierro (1122), Pagliari e Perna (senza punti).
Con Perna ottiene un 3-0 con qualche concessione di troppo nel terzo set.
Con Loreto tiene all’inizio di ogni set, ma l’avversario si dimostra superiore e più continuo: 0-3.
Ottiene di nuovo un 3-0 con Pagliari. Nell’ultimo set si impone con autorità, inizia a giocare in maniera propositiva e lascia ben sperare per l’ultimo incontro, decisivo per il superamento del girone.
Perde con Guastafierro 3-0 ed esce dal torneo con molto rammarico, giocando con poca determinazione nell’incontro decisivo.
Secondo la classifica avrebbe dovuto compiere un miglioramento per superare il girone.
Non l’ha fatto, tornando a casa. Possiamo dire che “ha fatto il suo”. In questo caso poco.

I link che seguono consentono di vedere i video degli incontri di Valerio Marzulli.
Come riferito non si tratta di un grande spettacolo, ma questo offre oggi la casa.

MARZULLI – PERNA 1° set
MARZULLI – PERNA 2° set
MARZULLI – PERNA 3° set 

MARZULLI – LORETO 1° set
MARZULLI – LORETO 2° set
MARZULLI – LORETO 3° set

MARZULLI – PAGLIARI 1° set
MARZULLI – PAGLIARI 2° set
MARZULLI – PAGLIARI 3° set

MARZULLI – GUASTAFIERRO 1° set
MARZULLI – GUASTAFIERRO 2° set 
MARZULLI – GUASTAFIERRO 3° set 

Condividi: