Mantieni la calma e vai avanti


Dopo la pubblicazione del post sulle 100mila visite del sito Castello, abbiamo ricevuto diversi inviti a fornire maggiori informazioni sul manifesto KEEP CALM AND… che in questa stagione ha caratterizzato la presentazione delle varie giornate di campionato.
In Internet si può trovare molto sull’argomento, ecco
comunque alcune sintetiche note sulla vicenda.
Chiunque sia stato a Londra e sia entrato in un souvenir shop, avrà sicuramente notato l’onnipresente scritta “Keep calm and carry on”. Il celebre motto è utilizzato su tazze da the, tappetini da bagno, magliette, intimo per uomo o per donna e un’infinità di altri accessori senza limiti apparenti di buon gusto.
Al contrario di quanto molti potrebbero pensare, la frase non è stata partorita dalla fervida fantasia di un proprietario di souvenir shop londinese. La vera storia di questo motto è in realtà estremamente interessante, e risale alla prima metà del XX secolo.

Keep Calm and Carry On (“Mantieni la calma e vai avanti”) fu uno slogan prodotto dal governo britannico nel 1939 agli albori della seconda guerra mondiale, con lo scopo di invogliare la popolazione a mantenere l’ottimismo e non farsi prendere dal panico in caso di invasione nemica.

Il poster fu inizialmente prodotto dal Ministero dell’Informazione britannico nel 1939, da un designer sconosciuto, con l’idea di distribuirlo tra la popolazione in caso di disastro bellico. La tiratura fu di due milioni e mezzo di copie, anche se ne furono distribuite pochissime, ma ebbe molto successo.

Questo fu il terzo di una serie di tre. I due poster precedenti “Your Courage, Your Cheerfulness, Your Resolution Will Bring Us Victory” (800.000 copie) e “Freedom Is In Peril. Defend It With All Your Might” (400.000 copie) furono pubblicati e usati in tutto lo stato per scopi motivazionali, poiché il ministero era convinto che la prima settimana di guerra avrebbe demoralizzato la popolazione.
I piani per il poster iniziarono nell’aprile del 1939; per giugno i disegni erano completati e in agosto si diede il via alle stampe, per essere esposti entro 24 ore dallo scoppio della guerra. I poster furono progettati per avere un aspetto uniforme, associato al ministero dell’istruzione, con un messaggio dal re al suo popolo.

La versione “Keep calm and carry on” – di cui furono stampate 2,5 milioni di copie – fu tenuta da parte, per essere utilizzata solo in casi di grave crisi o invasione. Per tutta la durata del conflitto il Ministero dell’Informazione non ritenne opportuno diffondere l’ultima versione del poster, che non fu mai mostrata al pubblico.

Il carattere tipografico utilizzato nel manifesto è stato probabilmente disegnato per l’occasione dall’autore, sebbene alcune particolarità delle lettere rimandino ai caratteri Gill Sans, Johnston e Gotham.
La fonderia digitale K-Type ha realizzato un carattere, chiamato per l’appunto Keep Calm, che riproduce fedelmente le caratteristiche delle lettere presenti sul manifesto originale.

Per oltre 50 anni le poche copie che furono conservate rimasero a prendere polvere in qualche remoto archivio del Regno Unito. Fino a quando, nel 2000, i proprietari di una piccola libreria situata a 500 chilometri a nord di Londra acquistarono un baule contenente libri usati. All’interno scoprirono il manifesto, che diventò subito molto richiesto prima tra i clienti del negozio e poi in tutta Europa.
Questo breve video racconta la storia del manifesto. A questo link trovate il video.

Esso tuttavia non fu mai usato, e a motivo di ciò era scarsamente noto. Fuori dagli archivi governativi si riteneva che esistessero solo due copie originali del manifesto contenente tale slogan, fino a quando nel 2012 una nuova collezione di 15 poster originali fu portata all’Antiques Roadshow dalla figlia di un ex membro degli Royal Observer Corps.
Il poster fu riscoperto nel 2000 e da allora è utilizzato da compagnie private come tema per pubblicizzare una vasta gamma di prodotti.
Ad esempio sul sito http://www.keepcalm-o-matic.co.uk
si possono acquistare vari prodotti con le versioni personalizzate del manisfesto, che ognuno può creare online, modificando colori, testo e immagine di sfondo.

Fonti
http://www.huffingtonpost.it/andrea-passadori/vera-storia-keep-calm-carry-on_b_6491858.html

http://it.wikipedia.org/wiki/Keep_Calm_and_Carry_On

http://www.keepcalm-o-matic.co.uk/guide-to-keep-calm/

Condividi su Facebook
 

Tweet

Condividi: