La proposta di modifica dello Statuto FITET

La proposta di modifica dello Statuto FITET e le modalità di trasmissione.

La proposta allegata nella pagina seguente, qualora condivisa nel merito, dovrà essere spedita su carta intestata della Società, in originale, mettendo in indirizzo le seguenti persone:

•    F.I.Te.T.  – Presidente  – Francesco Sciannimanico
•    F.I.Te.T.  – Segretario Generale – Prof. Giuseppe Marino
Stadio Olimpico Curva Nord – Foro Italico – 00135 Roma

e per conoscenza a:
•    C.O.N.I. – Presidente – Dott. Giovanni Malagò
•    C.O.N.I. – Segretario Generale – Dott. Roberto Fabbricini
•    C.O.N.I. – Ufficio Statuti e Regolamenti – Dott. Antonello De Tullio
Piazza Lauro de Bosis,15 – 00135 Roma

Inoltre potrà essere spedita via mail ai seguenti indirizzi:

giuseppe.marino@fitet.org
presidente@fitet.org
presidente@coni.it
segretariogenerale@coni.it
antonello.detullio@coni.it

Al fine di avere un’informazione numerica delle Società che richiedono l’Assemblea Straordinaria con questo modulo, sarebbe importante inviarne anche copia anche a:

richiedoassemblea@libero.it

Al Segretario Generale della F.I.Te.T.
Prof. Giuseppe Marino
Al Presidente della F.I.Te.T. 
Francesco Sciannimanico

Stadio Olimpico Curva Nord
Foro Italico – 00135 Roma

e per conoscenza a:    Al Presidente del C.O.N.I.
Dott. Giovanni Malagò
Al Segretario Generale del C.O.N.I.
Dott. Roberto Fabbricini
All’Ufficio Statuti e Regolamenti
Dott. Antonello De Tullio

Piazza Lauro de Bosis,15 –
00135 Roma

PROPOSTA DI MODIFICA
DELLO STATUTO DELLA FEDERAZIONE ITALIANA TENNISTAVOLO

L’attuale Statuto Federale recita testualmente:

Art. 27 comma 4:
Nessuna Società affiliata può esercitare nelle Assemblee Nazionali un numero di voti superiore al 5% del totale dei voti attribuiti a tutte le Società affiliate.

Art. 27 comma 5:

Nessuna Società affiliata può esercitare nelle Assemblee Regionali o Provinciali un numero di voti superiore al 12% del totale dei voti attribuiti a tutte le Società aventi sede nella Regione o nella Provincia cui si riferisce l’Assemblea.

Considerando
che i “Principi Fondamentali degli Statuti Federali” approvati  dal Consiglio Nazionale del C.O.N.I. con Deliberazione n. 1510 – 1511 del 11 giugno 2014 contemplano all’art. 4 comma 2 punto 3 “il calcolo dei voti dovrà risultare ben definito e non dovrà dare luogo a maggioranze precostituite.” e che al successivo punto 4 dello stesso articolo prevede che “ Le Federazioni Sportive Nazionali dovranno prevedere dei correttivi all’assegnazione dei voti plurimi al fine di eliminare la possibilità di precostituire maggioranze assembleari”;

Evidenziando
che l’attuale sistema di attribuzione dei voti venga meno a questo Principio e manifesti una reiterata violazione ai più elementari principi di democrazia interna a base collettiva e uno spregio della tutela dell’interesse collettivo degli associati

Ritenendo
che il C.O.N.I., nella sua qualità di organo di indirizzo e controllo sulla rispondenza dei richiamati principi informatori degli Statuti federali, debba valutare nel merito e con gli strumenti di indagine ritenuti più adeguati, la conformità dello Statuto e del Regolamento Organico della F.I.Te.T., al fine di migliorarlo rendendolo conforme ai principi stessi

la scrivente Società Sportiva così denominata    
(affiliata con il codice federale n° : ______________):

alla Federazione Italiana Tennistavolo di convocare in maniera URGENTISSIMA una Assemblea Straordinaria che possa modificare lo Statuto affinché il numero dei voti percentuali previsti dall’art.27 comma 4 venga portato dal 5% all’1% per l’Assemblea Nazionale
e
che il numero dei voti percentuali previsti dall’art. 27 comma 5 venga portato dal 12% al 5% per le Assemblee Regionali e Provinciali.

Chiede inoltre al C.O.N.I. di esperire ogni attenta e approfondita verifica al fine di rendere possibile la convocazione di un’Assemblea Nazionale Straordinaria per l’adozione dei correttivi sopraindicati, visto che con  l’attuale impostazione (art.25 comma 8 dello Statuto Federale) è praticamente impossibile ottenerne lo svolgimento.

Ritenuto inoltre
che occorre assicurare meccanismi di rappresentanza delle minoranze nei Consigli Federali e Regionali

Chiede anche
la modifica dell’art.34 comma 4 dello Statuto Federale dove recita “nella votazione per il Consiglio ogni categoria può indicare sulla scheda un numero pari al numero dei Consiglieri da eleggere …” aggiungendo ad eccezione della componente delle Società che non può esprimere più di cinque preferenze.

                            Firma del Presidente

____________________________________        

____________________________________
    (luogo e data)  

Condividi su Facebook
 

Tweet

Condividi: