Il ritorno dell’Ostico

Nel girone N della C1 l’equilibrio la fa da padrone: ad una giornata dal termine del girone d’andata, ben 4 squadre sono al comando con 6 punti, e 3 seguono con 4. Con un solo posto per la retrocessione, in virtù del ritiro della AS ROMA prima dell’inizio del campionato, ancora non si capisce bene chi stia lottando per la promozione o la retrocessione.
Nulvi arriva a Roma sicuramente con i favori del pronostico, lo scorso anno ingaggiò Carta un po’ troppo tardi e fallì la promozione per un soffio.
Quest’anno non solo lo schiera fin dall’inizio, ma gli affianca un ottimo allenatore/giocatore quale Shuster.

La KingPong, che ha ben altri problemi, con 2 giocatori della propria formazione che passano l’estate in ospedale, corre ai ripari in ottobre, usufruendo di Troilo tesserato KingPong, non impegnato con nessun’altra squadra, perché ora più dedito a far crescere i ragazzi della società.

Sarà sicuramente lui i protagonista dell’incontro con i suoi 3 punti.

Andando per ordine, il primo incontro tra Marcolini e Carta si conclude a favore di quest’ultimo, quindi primo punto per i sardi.

La seconda partita, quella tra Oladimeji e Di Silvio è molto tirata, la situazione dei precedenti testa a testa è in parità, una vittoria per parte, lo scorso anno.
Il nigeriano attacca con molta potenza e il giocatore della King Pong, con i suoi 2 puntini corti, contrasta e contratacca.
Avrà la meglio il rappresentante del Nulvi, per 3 a 2, dopo quaranta minuti di partita, si va sul 2 a 0.

L’incontro tra Ara, il rampollo del S.Tecla, e Troilo, è più veloce della luce, 3 a 0 per quest’ultimo che accorcia le distanze: 2 a 1.

Nulla può Marcolini contro il forte nigeriano, riesce anche a togliergli un set, ma il punto è per i sardi che allungano, 3 a 1.

Qui c’è la prima svolta dell’incontro, Troilo, sotto per 2 set a zero con Carta, riesce a mettere in campo, da lontano, ogni attacco del giocatore sardo, stancandolo

A tal punto da riprendere l’iniziativa e infilare 3 set di seguito. Segue la vittoria di Di Silvio su Ara, 3 a 0, e la rimonta è completata.

Sul 3 a 3, si gioca la partita che risulterà essere la più spettacolare, quella che segnerà il destino dell’intero incontro.
Il pubblico presente assisterà  ad uno spettacolo di alto livello tecnico.
Parte forte Troilo, che inchioda sul rovescio Oladimeji e porta a casa i primi 2 set. Il “sardo” non molla e vince ai vantaggi il terzo set.
Nel quarto set, ancora equilibrio fino alla fine, quando il giocatore di casa trova il guizzo per allungare e portare a casa la partita.
Si va dunque sul 4 a 3 per la KingPong, che mai avrebbe pensato di trovarsi in questa situazione  dopo la partenza veemente degli ospiti.

Il Nulvi risponde con Shuster alla scesa in campo della riserva romana Cinque. Non si capisce bene se Ara non se la senta di giocare un incontro decisivo per il risultato finale, o se è stata presa questa decisione per far valere l’esperienza del suo allenatore/giocatore, nei confronti del giovane rampante romano, con tanta voglia, ma, ventenne ed esordiente, quest’anno, in un campionato nazionale.
Si tenga presente che in caso di 4 pari l’ultimo incontro sarebbe stato Carta vs Di Silvio, con i favori del pronostico tutti per il sardo.

Ma c’è un fattore che quasi tutti trascurano, tranne l’interessato, a poco sarebbe servito il riscaldamento, dopo 3 ore fermo in panchina, in una palestra fredda. Infatti la realtà dei fatti dimostra che la sua esperienza, la sua antitop, e il suo modo di giocare molto fastidioso non scendono in campo con il triestino/sardo, con il risultato di una sonora sconfitta per 3 a 0.

Quindi ennesima sorpresa in questo girone N, che vede risultati sorprendenti ogni settimana.

Comunque la notizia vera è che la prossima giornata, ultima del girone d’andata, vedrà in vetta alla classifica una o più squadre con “ben” 4 vittorie.

Forse è la prima volta che mi capita nella vita!

Buon tennistavolo a tutti!!!

L’ostico.

Condividi: