Ghirri per la decima giornata


“Nel 1969 viene pubblicata da tutti i giornali, la fotografia scattata dalla navicella spaziale in viaggio per la Luna: questa era la prima fotografia del Mondo.
L’immagine rincorsa per secoli dall’uomo si presentava al nostro sguardo contenendo contemporaneamente tutte le immagini precedenti, incomplete, tutti i libri scritti, tutti i segni, decifrati e non.
Non era soltanto l’immagine del mondo, ma l’immagine che conteneva tutte le immagini del mondo: graffiti, affreschi, dipinti, scritture, fotografie, libri, films.
Contemporaneamente la rappresentazione del mondo e tutte le rappresentazioni del mondo in una volta sola.
Eppure il potere di contenere tutto spariva davanti all’impossibilità di vedere tutto in una volta sola”.

Luigi Ghirri ci racconta con queste parole il suo punto di partenza e al tempo stesso il senso complessivo del suo lavoro. Con quella foto, l’uomo vedeva per la prima volta l’immagine della globalità del mondo. Ma in realtà, quella foto non aveva niente di intellegibile. E così Ghirri inizia a muoversi in direzione opposta, e si interessa a tutto quello che è parziale, frammentario. Tutto quello che mostrava l’infinita diversità dei punti di vista.

Fotografo emilano nato a Scandiano (Reggio Emilia) nel 1943 e scomparso improvvisamente nel 1992, Ghirri ha rinnovato con le sue fotografie il nostro modo di guardare il mondo e c’è un’intera generazione di fotografi che non potrebbe esistere senza la sua opera.
Diventato celebre in tutto il mondo per la sua profonda ricerca nel rapporto tra fotografia e realtà, con la sua opera Ghirri ha cercato di fare della fotografia una modalità del pensiero.
Egli non pensava mai a immagini uniche, originali: aveva l’idea che ogni immagine ne richiami un’altra, perchè porta in sé tracce di qualcos’altro, di altre immagini, foto, visioni, apparizioni…

Questa foto, ripresa sulle strade di Roma nel 1978, chiude Kodachrome, il suo primo libro pubblicato.
“Ho terminato questa serie con frammenti d’immagini trovate camminando per strada, e non casualmente nell’ultimo appare la scritta su un giornale accartocciato sull’asfalto “come pensare per immagini”.
In questa frase è contenuto il senso di tutto il mio lavoro, come nella frase di Giordano Bruno: “pensare è speculare per immagini”.


Per Ghirri, dopo la foto della Terra vista dallo spazio, dopo che tutto è stato fotografato e che tutti i luoghi della Terra sono stati esplorati e documentati “Il solo viaggio possibile sembra oramai all’interno dei segni, delle immagini: nella distruzione dell’esperienza diretta”.



Due sono le tradizioni della fotografia, «farsi specchio della realtà» o «essere finestra sul mondo».
«Io personalmente ho sempre optato per la seconda declinazione».
Ed è proprio questo uno dei punti rivelatori, la fotografia come finestra, come soglia aperta sul mondo.

Una strada di campagna. Un uomo si allontana mentre la sua immagine va dissolvendosi nella nebbia.
“Malinconia e imprecisione”: è questa l’ultimo fotogramma di pellicola impressionato da Luigi Ghirri, poco prima della sua scomparsa, avvenuta il 14 febbraio 1992.


Ed eccoci ai risultati della decima giornata, la sesta in D3.
  B1 – GIRONE C  
Carrara – Castello Di Cesare 5-2

L’idea era di cercare il punti con il 419 Volpi e stare alla finestra con il 22 Negro e l’83 Falcucci.
Di Silvio in apertura e Bozza sul 3-1 Carrara mettono in pratica il piano, ma per il resto poco da fare, se non Di Silvio che prende il primo set 12-10 a Negro e perde il secondo 9-11.

  B2 – GIRONE F  
Monterotondo – KingPong Mitici 5-0
Sconfitta netta, come prevedibile. Poco da fare con Iozzi e Di Silvio, ma nella giornata Giovannettti si conferma, se ce n’era bisogno, come giocatore maturo, con il duplice 3-2 inflitto a Del Bravo e Costanzi, perfino in rimonta da 0-2.

  C1 – GIRONE N 
Castello Comitec – King Pong 2-5
Partenza lanciata KingPong, con Bianchi, Chessa e De Nigris (3-0 non facile su Angiolella).
Poi Bianchi esce per affaticamento muscolare e Caldarini supera Fatello al quinto.
De Nigris su Nobile ristabilisce il triplice distacco sul 4-1.
Angiolella supera Chessa, 13-11 al quinto, prima che De Nigris chiuda 5-2 su Caldarini. Per Alessandro la sesta vittoria consecutiva in campionato, con le due triplette messe a segno con Roma 12 e, appunto, Castello.
  C2 – GIRONE A  
Roma TT – Castello Parker 2-4

Bel ritorno alla vittoria per Placidi & Co. nella trasferta domenicale a Monterotondo, grazie a due punti di Marcolini su Mattioni e Cannilla, uno di Marzulli su Squicciarini e uno dello stesso Placidi su Sacchet, con conclusione a quinto set.


  C2 – GIRONE B  
Dragoni – KingPong 3-3
Si sapeva che a Drangoncello non sarebbe stata facile e infatti due Zampini e uno Massarelli portano l’incontro sul 3-2 Dragoni all’inizio della sesta partita, che vede opposti Chavez e Di Laurenzio.
In precedenza Coppola su Massarelli e Regis su Chavez avevano ottenuto i due punti KingPong.
Chavez si aggiudica nettamente il primo set 11-3, poi il Tononno prende le misure e iniziava con le sue imprevedibili sciabolate, fino alla positiva conclusione 12-10 al quarto set.
   D1 – GIRONE B   
Futura – KingPong Technip 1-5

Due vittorie di Mascoli e Rossetti, il punto finale di Caldarola su Pistoni per la convincente vittoria di squadra. Con i due successi odierni, Giorgio Mascoli si pone al 75% in campionato.

  D2 – GIRONE C  
Roma TT2- KingPong 2-4

Vittoria che consente a KingPong di salire al terzo posto in classifica, a pari punti con Latina.
A referto Vezza con due successi su Mieli e Mannucci, un punto per Ercolani su Mieli e uno di Violetta su Mannucci.

  D2 – GIRONE D  
Roma TT4 – Castello Argento 5-1

Successo prevedibile per Castello che lascia Roma TT4 ancora senza punti in classifica.

  D3 – GIRONE D  
KingPong Atac – Eureka 0-6
La squadra di Colantoni conferma i favori del pronostico, ma la sconfitta è netta.
Da segnalare l’esordio in campionato di Luca Li, che cede al quinto set la prima partita con Canino,
in rimonta da 1-2.
  D3 – GIRONE E  
KingPong Teen – CRAL

L’incontro è stato rinviato.

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLO
Infine il risultato della TT Lazio, squadra della D3 girone F che disputa le partite casalinghe nella palestra del Peano.

  D3 – GIRONE F  
TT Lazio – Maccheroni Espresso 4-2
Vittoria all’insegna dei Gallo, con due punti di Michele e due di Luca, che valgono il primo posto in classifica in coabitazione con TTM Amici.
Condividi: