Daniele Pinto: i numeri di un futuro campione?

Riceviamo,
e volentieri pubblichiamo,
un articolo di Valerio Marzulli
sul giovane talento
Daniele Pinto.



Ciao a tutti.
Volevo spendere due parole su Daniele Pinto, che ho visto all’opera durante i campionati Italiani a Riva del Garda.
Credo sia davvero un bravo giocatore, un talento come forse in Italia non se ne vedono da anni.
Nei terza categoria ha letteralmente dominato, vincendo singolo, doppio maschile e doppio misto.
Guardando indietro, nell’albo d’oro, solo Rodella, Chen Yu Wei, Tomasi, Stoyanov e Seretti sono riusciti a vincere il titolo terza a 14 anni.
Campioni come Giontella, Silveri, Manneschi, Ricci, Lucesoli, Nannoni, Mondello hanno vinto il titolo ma “solo” a 15 o 16 anni.
Già l’anno scorso aveva vinto il bronzo al singolo maschile quarta e il singolo maschile Ragazzi.
Durante questi Campionati italiani, dove ha giocato molte partite nella stessa giornata, ho notato come abbia avuto la capacità di leggere il gioco dell’avversario e reggere anche a livello fisico e mentale: l’ho visto giocare sempre con il sorriso in faccia, cosa non così frequente tra ragazzi di 14 anni che spesso soffrono la tensione agonistica durante gli incontri importanti.
L’anno scorso, alla prima esperienza agli Europei Giovanili aveva vinto un match inatteso con l’allora 57 d’Europa cadetti (lui era 178).
Quest’anno (e mentre scrivo gli europei sono ancora in corso) da 46 d’Europa ha già battuto nella gara a squadre il numero 2 d’Europa il danese Lind, il 14 Manole (Romania) e il 18 Darcis (Belgio). Ed ha ancora un anno da Cadet.
Sempre quest’anno, in B1 ha portato il 65% mostrando un netto miglioramento nel girone di ritorno dove su 15 partite ha perso solo 3 incontri con Pan Qing, Meazza e Stefanov.
Nelle classifiche al primo luglio, quindi all’inizio del suo secondo anno Allievi, è 49 d’Italia assoluto.
Facendo un confronto con altri giocatori del passato (all’inizio del loro secondo anno allievi), solo Mutti allora 42 d’Italia aveva una classifica migliore, mentre Pinto è meglio posizionato di Rech (98), Piacentini (alla fine del secondo anno allievi era 44), Bisi Paolo (127), Stoyanov (51), Bobocica (93), Giardina (62), Spinicchia (189), Seretti (155), o ancora Tomasi, Sabatino, Lucesoli, Casaschi, insomma gente che ha vinto a livello giovanile e che ha vestito la maglia della nazionale assoluta (purtroppo non ho i dati per fare un confronto con Mondello).
Sono quasi certo che, come dicono i numeri che lo elevano tra i migliori italiani di sempre alla sua età, questo ragazzo ha veramente le potenzialità tecniche-mentali-fisiche per andare DAVVERO avanti in Italia e diventare qualcuno a livello assoluto.

Valerio

Con Cardea sul podio del doppio terza
a Riva del Garda

I vincitori del Campionato Italiano di Terza Categoria dalla stagione 1970/1971 – Roberto Giontella al 2012/2013 – Daniele Pinto

ANNO    GIOCATORE ETA’
1972    Rodella  Romano 14
1994    Chen Yuwei 14
1996    Tomasi Stefano 14
2000    Stojanov Niagol 14
2007    Seretti Damiano 14
2012    Pinto Daniele 14
1970    Giontella  Roberto 15
1978    Silveri Alessio 15
1982    Manneschi Franc. 15
1986    Ricci  Luca 15
1995    Lucesoli  Francesco 15
1974    Bargagli  Paolo 16
1979    Lama  Stefano 16
1983    Nannoni  Lorenzo 16
1990    Mondello Max 16
1991    Nuvola Pietro 16
1997    Garello Mattia 16
2003    Margarone  Alberto 16
2009    Di Marino Alex 16
2011    Perri Roberto 16
1971    Provvedi Francesco 17
1998    Sciannimanico  G. 17
2002    Ruscelli Alessandro 17
1975    Ruffolo Bruno 18
1984    Lupattelli Giuseppe 19
1989    Puglisi Marcello 19
1985    Cuzzoni  Mario 21
2010    Balestra Alessandro 22
1981    Malpassi Riccardo 23
1992    Giardina Umberto 23
2001    Racca  Paolo 25
1987    Mariani  Enzo 27
1993    Fusco Giuseppe 28
1999    Rossi Carlo 31
2005    De Rosa Salvatore 31
2006    Abbà  Alberto 31
2008    Puglisi Fabrizio 39
2004    Bisi  Giovanni 44
1973    Stecconi Roberto    
1976    Magnani Giovanni    
1977    Monetta Gennaro    
1980    Rocca  G. Carlo
1988    Cossia Luca

Condividi su Facebook
 

Tweet

Condividi: