Classifiche di settembre

Di settembre, l’uva rende e il fico pende”, dicevano i contadini, e in effetti anche nel complicato mondo delle classifiche fitet il primo mese della nuova stagione, per chi ha avuto un pronto risveglio agonistico, è da sempre prodigo dei frutti più dolci.

Ne sa qualcosa Edoardo Caldarola, che salta in un colpo 807 posizioni e si presenta a ridosso dei primi tremila, o Elia Sabatini, che dopo le buone prestazioni di inizio stagione si ritrova primo tra i quinta laziali, scalando 721 posti e piazzandosi 1616.mo. Di rilievo anche i “salti quantici” di Milo Rossetti, entrato nei tremila grazie a 554 posizioni scalate, di Bruno il Furioso, che con un +45 strappa a Augusto Ferranti il comando della classifica interna Castello/KingPong, di Andrea Marcolini (+386) ad un passo dai mille, di Nicolò Cefalo che sale di 262 posti, dei due Marco (Nobile e Del Bravo) e Salvatore Chessa, che con una cinquantina di posizioni in meglio si riavvicinano alla classifica che compete loro, di Angelo Caldarini (+110) e di Fabio Angiolella (+79) che scaldano i motori in vista di una stagione impegnativa, di Giorgio Mascoli (+180) che parte un po’ sottotono rispetto ai suoi compagni.
Tengono sostanzialmente le loro posizioni Daniele Bianchi, Alessandro De Nigris e Giovanni Cefalo, mentre retrocedono, nella maggior parte dei casi per inattività, tutti gli altri.

Settembre positivo anche per Monia Franchi (+7) al 41.mo posto e per Elisa Giacomino, che risale sedici posizioni e si attesta in 353.ma piazza. Perde qualcosa Raffaella Riondino, posizione 408 (-16).

Buone notizie dalla Sardegna, con Alessandro Pizzi, attualmente in forza alla Marcozzi Cagliari, in salita di altre sette posizioni e tra i primi settanta in classifica.

Condividi: