Bozza e Costanzi brillano nelle classifiche al 12 maggio

I giocatori Castello
nelle classifiche
al 12 maggio 2014.




Marek KRYMSKY    (67     -2)
(Classifica 67 equivalente. Arretra di 6 posizioni rispetto al 31/5).
6 partite in questo periodo. 3 in B1 con due vittorie e 3 al torneo Rosso di Terni con il succcesso su Malpassi e le due sconfitte con Costantinescu e Giorgione, che gli sono costate circa 200 punti.

Carlo BOZZA     (121    +9)
Bozza si avvicina molto al suo Best in classifica che risale al settembre 2009, quando era 117.
Grande impresa con Luigi Rocca al recente Rosso di Terni che gli vale oltre 500 punti e forse il comando del Tiramisù: dobbiamo ancora fare i conteggi.
Nel complesso 5 partite da marzo, con due vittorie e tre sconfitte.

Rosario TROILO     (140     -4)
Lo stop forzato ai box gli costa qualche posizione.

Daniele BIANCHI    (148   +8)
8 partite, tutte vincenti: 2 in B1 che valgono oltre 200 punti e 6 al regionale veterani vinto in finale su De Nigris.
Senza contare il Torneo Castello di Pasqua…

Bruno ESPOSITO    (151    -5)
11 partite con 7 vittorie.
3 vengono dalla C1, 4 dal regionale veterani, prima dello stop in semifinale ad opera di De Nigris.
3 sconfitte al Rosso di Terni, quella con Paolo Caserta la paga 141 punti.

Alessandro PIZZI (188    -4)
12 partite. 1 vittoria e 1 sconfitta in B1.
3 successi al girone dei campionati italiani giovanili prima della sconfitta da Michele Izzo.
Al Rosso di Terni si cimenta in due categorie: con 2 vittorie e 4 sconfitte.
Nel complesso 6 vittorie e altrettante sconfitte e piccolo arretramento in classfica.

Armando COSTANZI    (300   +24)
Best in carriera per Armando, che ora è 300 d’Italia.
2 sconfitte con Pigna in C1 e Alunni al Rosso e 5 vittorie, tra cui brilla quella con Augusto Ferranti al Rosso di Terni, che vale 263 punti.

Raffaella RIONDINO    (477    0)
La bella vittoria con Suteu al recente Rosso con 283 punti, pur se accompagnata da 2 sconfitte, non sortisce gli effetti sperati in classifica, che rimane ferma.

Salvatore CHESSA (523   -11)
Presenza al campionato regionale veterani per Chessa con  4 vittorie e stop in semifinale da De Nigris.
Con questo tabellino avremmo scommesso su un miglioramento in classifica, che invece si muove nella direzione opposta.

Luisa BENATO     (571    -6)
Inattività e arretramento da inflazione.

Fabio ANGIOLELLA (665    +2)
10 partite per Angiolella e 6 vittorie.
Fruttuose quelle con Michele Lai in C1 (141 punti) e Giuseppe Brignola al Rosso (233 punti).
4 vittorie al veterani regionale e stop da Daniele Bianchi ai quarti di finale.

Valerio MARZULLI     (733    -6)
1 vittoria e 1 sconfitta in C1, con piccolo saldo negativo di punti, che si rispecchia nella classifica.

Francesco CALDAROLA    (734   -17)
Nessuna partita nel periodo e arretramento.

Marco NOBILE     (762    -14)
11 partite con 6 vittorie e 5 sconfitte. Paga molto le 3 sconfitte al girone al Rosso di Terni, in particolare quella con Pacileo (-178 punti).
Due vittorie e 1 sconfitta in C1 e 4/1 al veterani regionale con lo stop ai quarti di finale da Esposito.

Pietro COPPOLA     (766   +3)
9 partite da marzo.
1/1 in C1 con la vittoria su Farnetti da 126 punti.
Solo vittorie, quattro, e conseguente primo posto al veterani regionale.
2 sconfitte e 1 vittoria al Rosso, ma riesce a limitare i danni in termini di punti grazie ai 158 guadagnati con Pappaianni.
Nel complesso 6 vittorie e 3 sconfitte.

Umberto FORLETTA     (793    -17)
Ha dispuntato l’ultima partita a gennaio e la corrosione di posizioni continua.

Giuseppe FATELLO     (971    -42)
2 vittorie e 3 sconfitte. Quella con Messere in C2 costa 174 punti e lo riavvicina pericolosamente a quota 1000 da cui si era brillantemente allontanato.

Antonio DI LAURENZIO     (1100    -16)
Commento/fotocopia di marzo: 2 vittorie e 1 sconfitta al veterani regionale, con piccolo passivo di punti pagato pesantemente in classifica.

Emiliano FONTI     (1284    -21)
1 vittoria e 1 sconfitta in D1, piccolo attivo di 8 punti pagato salato in classfica.

Andrea MARCOLINI   (1532    -12)
Come per Fonti 1 successo e 1 sconfitta, in questo caso in C2.
14 punti in più e 12 posizioni in meno.
Bisogna ricordare che la vittoria su Fabbricatore è stata decisiva per la salvezza della squadra.

Luca FALSINI     (1761    -40)
I meccanismi della classifica sembrano voler punire pesantemente chi non disputa gare.

Flavio MARACCHIA     (2056    -92)
2 sconfitte in D1, con Lucchi e Zanotto e tonfo.

Armando STELLA     (2058   +72)
2 belle vittorie in C2 con Fabbricatore e Messere, che portano quasi 200 punti.
2 sconfitte e 1 successo su Cutruzzulà al veterani regionale.
Notevole miglioramento in classifica.

Luciano BERNARDO (2119    -14)
90 punti di attivo grazie alla vittoria su Zanotti Alex (+141) e alla sconfitta con Christian Zanotti (-51). Arretramento in classifica inatteso.

Fabrizio PLACIDI  (2477    -51)
Il capitano si riposa e vede peggiorare la propria classfica.

Franco FRANCHI     (3475    +82)
Unico temerario Castello al Verde di Arezzo, da cui esce con 3 sconfitte molto costose.
Il salto in classifica grazie alle 2 vittorie in D2, con i 97 punti su Frison e i 364 su Csaba.
Non dovremmo dirlo, perché è sempre meglio mettersi in gioco, ma senza la mala sortita di Arezzo, staremmo a parlare di circa 4000 punti e della posizione 3200, con un miglioramento di 350.

Felice PACIFICI     (4589     -107)
1 vinta e 1 persa in D2, nel complesso 3 punti persi pagati a caro prezzo.

Andrea DE CUNZO    (4700   -37)
1 vinta e 1 persa in D3, con 19 punti in attivo, ma evidentemente intorno a queste posizioni di classfica le oscillazioni sono amplificate.

Luigi COLTELLACCI     (5390    -84)
Riposa e la classifica si sfarina.

Adolfo VARCHI     (5870    -116)
2 sconfitte in D2, 40 punti persi e arretramento.

Alessandro ROSSETTI     (5891    -104)
2 sconfitte al campionato provinciale, con pochi punti persi (12) pagati in valuta pregiata in classifica.

Milo ROSSETTI    (6306   +262)
12 partite con 4 vittorie. Quella con Curcio Rubertini in D2 vale 206 punti, 165 quella con Pischiutti ai campionati italiani giovanili. Muove notevolmente la classifica.

Edoardo CALDAROLA    (7561    +168)
10 partite con 4 vittorie. Importanti le 2 al girone dei campioanti italiani giovanili, che determinano il miglioramento.

Giorgio MASCOLI      (8108   -130)
5 sconfitte tra D2, campionati giovanili regionali e nazionali.

I cinque giocatori che si sono migliorati di più rispetto a marzo:
1) Milo Rossetti + 262 posizioni
2) Edoardo Caldarola + 168
3) Franco Franchi + 82
4) Armando Stella + 72
5) rmando Costanzi + 24

E i cinque che si sono migliorati rispetto all’inizio stagione:
1) Andrea De Cunzo +790 posizioni
2) Armando Costanzi +115
3) Flavio Maracchia +112
4) Giuseppe Fatello +65
5) Bruno Esposito  +59

I miglioramenti percentuali (posizioni guadagnate rispetto alla posizione di partenza) a maggio 2014 rispetto a marzo 2014:
1) Costanzi +7,5%
2) Bozza +7%
3) Bianchi +5 %
4) Rossetti Milo +4%
5) Stella +3,5%

La stessa classifica di maggio 2014 rispetto a luglio (inizio stagione)
1) Troilo +28,2%
2) Esposito +28,1%
3) Costanzi+27,7%
4) Bozza +25,8%
5) Krymski +20,2%

Ad aprile e fino al 12 maggio 9 giocatori Castello hanno migliorato la propria posizione in classifica rispetto a marzo, 25 l’hanno peggiorata.

Da inizio stagione 12 giocatori hanno migliorato la loro classifica,
22 l’hanno peggiorata.

A marzo la somma di tutte le posizioni in classifica dei giocatori Castello forniva il valore 74.064.
Al 12 maggio tale valore è 74.386, con un peggioramento di 322 posizioni, pari a – 0,46%.

Condividi su Facebook
 

Tweet

Condividi: