AAA tennistavolo cerca casa

La Federazione internazionale ITTF ha ricevuto in questi giorni manifestazioni di interesse da 28 città, in 18 diversi paesi, per ospitare la sua nuova sede. Le città candidate avranno ora tempo fino al 15 aprile per presentare la documentazione richiesta e un’offerta iniziale.
Le offerte più convincenti verranno selezionate a giugno e dovranno presentare le proposte definitive entro il 15 settembre.
Il 30 settembre verrà designata la sede eletta.

La Federazione ha attualmente sede a Losanna, con i suoi dipartimenti commerciali e di marketing a Singapore. La sede centrale dovrà trovarsi in una città a vocazione fortemente internazionale, nelle immediate vicinanze di un aeroporto internazionale, e fornire agli uffici la possibilità di espandersi nel tempo.
L’area minima richiesta è di 1000 mq, preferibilmente progettata appositamente per ITTF su terreni liberi. Stanno collaborando con la Federazione, nella ricerca della nuova sede, Deloitte, la rete di servizi multinazionale, lo studio legale con sede nel Regno Unito Withers LLP e la società di architettura Hassell.

Il nuovo quartier generale permetterà la concentrazione della forza lavoro complessiva e guiderà la continua crescita di questo sport, un nuovo hotspot fiorente e dinamico per giocatori, collaboratori professionisti, allenatori e funzionari di tutto il mondo per unirsi in un’unica sede e portare tutti insieme il tennistavolo al livello successivo, ovvero tra gli sport più importanti del mondo. Sarà la “global home of table tennis”, che includerà anche strutture di formazione, un laboratorio di ricerca, un centro educativo, un centro per l’innovazione e centri dedicati alle comunità locali.

Secondo Thomas Weikert, presidente di ITTF, “siamo cresciuti enormemente come organizzazione dal giugno 2017 e ora abbiamo oltre 70 membri dello staff a tempo pieno. Vogliamo centralizzare la forza lavoro in una unica location, per rendere la struttura più efficiente. La cosa fantastica è che abbiamo ricevuto un interesse significativo da alcune città molto importanti che ci fanno ben sperare”.

Steve Dainton, A.D. di ITTF, ha aggiunto: “Visto l’interesse suscitato, siamo sicuri che finiremo in un posto fantastico. Questo non sarà solo un quartier generale vecchio stile. Vogliamo che la nostra futura casa sia piena di tennistavolo, al contrario della nostra attuale sede. Non solo un ufficio, ma anche una base stabile e permanente per la sviluppare strategie e supportare le eccellenze, e che ospiti una struttura di formazione all’avanguardia. L’obiettivo finale sarebbe quello di avere un museo, tavoli TTX e anche un negozio al dettaglio. Vogliamo un posto dove le persone si fermino e giochino a tennistavolo, dove aiutare a creare le prossime stelle del nostro sport, dove coltivare una nuova generazione di talenti provenienti da tutte le parti del mondo”.

Condividi: